Partiamo dal mio Spirito Ecologico:

Benvenuto -blog ecologico 1

Quali sono le cose necessarie?

Come avere uno spirito ecologico

Benvenuto nel mio blog!

Partiamo subito con un argomento che mi sta particolarmente a cuore e che, secondo me, è alla base di tutte le nostre azioni quotidiane.

Ormai lo sappiamo tutti: “il miglior rifiuto è quello che non viene prodotto!”

Ti sei mai soffermata a pensare se le cose di cui ti circondi sono effettivamente necessarie? 

Se corrispondono ai tuoi ideali di vita?

Probabilmente si, e se sei capitata su questa pagina non è un caso e forse sei ancora alla ricerca di una risposta adeguata!

Il punto è: quali sono le cose che riteniamo necessarie e di cui ci circondiamo? E da dove arrivano?

La domanda all’apparenza sembra semplicissima e forse anche banale ma se ci pensi bene, in una società fondata sul consumismo e sull’apparire, non è poi così scontata. 

Ma allora chi definisce cosa è necessario?

A questo proposito faccio un passo indietro nel tempo…

Sin da piccola ho avuto una propensione per le tematiche ambientali, ogni occasione era buona per uscire e stare in mezzo alla natura e agli animali.

Insieme a mia mamma amavo fare la salsa di pomodoro nella campagna di famiglia e le marmellate con la frutta dell’orto….ritengo tutt’ora che le cose fatte in casa abbiano un sapore particolare e unico.

 

Sarà forse perché condito con un pizzico d’amore?

Io ne sono convinta! 

 

Lo stesso amore di quando aiuto mio papà, ormai ottantenne, nella raccolta delle mandorle e di quando da piccolina separavo il mallo dalla mandorla; azione che ho insegnato a fare anche a mia figlia nonostante la tecnologia abbia aiutato molto gli agricoltori negli ultimi anni… e visto che mia figlia è felicissima di farlo va bene cosi…

Mandorle

L’amore per l’ambiente è una cosa semplice ma che, a mio giudizio, è stata resa nel tempo

una cosa terribilmente complicata!!!

Avete notato di quante leggi sull’ambiente vengono periodicamente emanate?

Molti dicono che le leggi servono ad esempio a regolamentare la gestione dei rifiuti…. vero! 

 

Ma fermati un attimo a pensare… se il rifiuto non ci fosse affatto, non sarebbe meglio?

 

Quello che vorrei trasmetterti con questa mia premessa è che l’amore per l’ambiente lo si ha o lo si sviluppa nel momento in cui si è in linea con il nostro essere, con la nostra parte infantile che vede la semplicità nelle cose e nelle azioni di tutti i giorni.

Ciò che è necessario è quindi ciò che ci fa principalmente stare bene con noi stessi e con ciò che ci circonda.

Se hai continuato a leggere fin qui questo articolo forse ti ritrovi nei miei ideali e stili di vita e avrai inteso che le cose necessarie non sono tante ma sono quelle che acquistiamo o produciamo con amore.

Per cui, partendo dalle piccole azioni quotidiane, vediamo, senza tecnicismi, alcune semplici regole da seguire giornalmente in modo che tu possa dare sin da subito un tuo contributo ecologico a questa società. L’ideale sarebbe quella che tu possa trasmetterle a tuo figlio, alunno o “piccolo” conoscente…. è solo questione di metodo e abitudine!

1 – Innanzitutto Riduci!

Come cittadini responsabili dovremmo tutti noi ridurre l’utilizzo di imballaggi o quanto meno utilizzare quelli riciclabili. Ti ricordo che i prodotti in plastica monouso sono stati banditi; parliamo di piatti, posate, cannucce, contenitori in polistirolo, cotton fioc e bastoncini per palloncini.

Se acquisti prodotti con poco, o meglio nessuno, imballo, avrai meno rifiuti da gestire!

2.-Se possibile, Riutilizza!

Tanti contenitori possono essere riutilizzati per contenere e trasportare cibo, bevande e piccoli oggetti. Spesso basta poco per farli tornare come nuovi!

3 – Differenzia!

Dividi i tuoi rifiuti in base alla tipologia di materiale leggendo bene le etichette (Ti consiglio di seguirmi perché farò a breve un post su questo argomento!).

Ovviamente ogni comune ha le sue regole in materia di raccolta differenziata e confondersi può essere facile ma in linea generale le regole sono molto simili tra loro.

4 – Se possibile, Riduci le dimensioni!

Il consiglio è di schiacciare, o meglio, appiattire bene, prima di conferire tutti gli imballaggi: ridurne il volume è molto importante sia per non avere per casa elementi ingombranti ma anche per permetterne una migliore separazione quando li conferiremo.

5 – Non Abbandonare!

Sembra assurdo ma questo suggerimento deve essere ancora sempre presente perché non è insolito trovare oggetti abbandonati in luoghi sperduti o anche sul ciglio di una strada trafficata in città.

Dopo queste semplici regole, che ritengo siano la base del vivere civile in un mondo di rifiuti, ti consiglio di seguire i prossimi articoli e i contenuti scaricabili gratuitamente.

 

Saranno argomenti leggeri, nulla di troppo tecnico e avranno un valore aggiunto: la semplicità !!!

 

Condividi i miei post anche sui social perché l’amore per le cose semplici diventi uno stile di vita!!

Facebook
LinkedIn

11 commenti su “Partiamo dal mio Spirito Ecologico:”

  1. Condivido pienamente con gli ambientalisti a
    Taranto sono state fatte tante belle iniziative, con il covid c’è meno attività in presenza conviviale ma ognuno nelle proprie case può fare la differenza

    1. Grazie Stefania per il tuo commento.
      Ritengo che l’amore per l’ambiente nasca principalmente in casa; i bambini osservano i genitori e le persone a loro più vicine.
      Se ci pensi bene non è necessario fare grandi cose, anche una semplice spesa al supermercato può essere di insegnamento per i bambini.

  2. blog interessantissimo!!!!! 😃
    👏🏻 👏🏻 👏🏻 👏🏻 👏🏻 👏🏻 👏🏻 👏🏻 👏🏻 👏🏻 👏🏻

  3. Complimenti Marilena per questa bella e opportuna iniziativa.
    Ce ne fossero tante in giro, forse si vivrebbe meglio.
    Il rapporto di rispetto per l’ ambiente a mio avviso presuppone il rapporto di rispetto con se stessi e con chi circonda.
    I comportamenti esterni sono sempre riconducibili al modo di essere di ogni individuo e al livello della sua educazione civica.
    E allora intravedo nel tuo articolo spunti importanti di educazione ambientale di cui le scuole e, soprattutto, gli Enti Locali dovrebbero farsi carico.
    La qualita’ della vita e la vivibilita’ delle nostre citta’ passa anche e soprattutto attraverso programmi e iniziative didattiche e istituzionali di educazione ambientale.
    Scusa la prolissita’ ma gli spunti e gli stimoli di Spirito Ecologico meritavano da parte mia una riflessione un po’ piu’ approfondita.

    1. Grazie per tuo commento!
      Quello che hai espresso è esattamente il mio pensiero; tutto parte dal nostro essere, dai nostri valori e, soprattutto, dal nostro vissuto!
      Come ho evidenziato anche in un altro articolo ( https://spiritoecologico.com/plastica-cosa-dice-letichetta/ ) il tempo non insegna nulla e i bambini ci imitano!
      Dobbiamo noi “adulti” per primi attuare comportamenti virtuosi per poter far crescere una società migliore!
      Dobbiamo noi adulti diventare il massimo esempio di civiltà per i nostri figli e alunni.
      Comportamenti rispettosi in casa e fuori, sempre!
      Bisogna innamorarsi così tanto della nostra vita da aspirare di renderla migliore partendo anche dalle piccole cose …

Lascia qui un tuo commento o le tue domande

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: