Come avviene il riciclo del vetro

bottiglie vetro

Ormai lo sappiamo bene, un buon riciclo dipende fortemente da una buona raccolta differenziata attuata dal cittadino.

La raccolta differenziata del vetro avviene utilizzando le classiche campane presenti in strada oppure “porta-a-porta”.

Tuttavia, è importante sapere che non tutto il vetro può essere riciclato ma solo bottiglie e barattoli.

Per fare una buona differenziata è importante conferire le bottiglie e i barattoli in vetro senza il sacchetto di plastica che li ha contenuti (che va invece conferito nella differenziata della plastica o del compostabile). 

Seguendo questa linea, contribuirai a migliorare l’efficienza e l’efficacia delle operazioni di selezione e trattamento negli impianti di riciclo.

Ceramica, contenitori in pyrex, bicchieri di cristallo, lenti degli occhiali e finestre non sono riciclabili e non vanno inseriti con il vetro ma conferiti nell’indifferenziata. Sai perché

Perché anche pochi frammenti di cristallo o di ceramica possono compromettere la buona qualità del riciclo. 

Infatti,

Il cristallo è un vetro ad alto contenuto di piombo, un metallo pesante considerato pericoloso se disperso nell’ambiente.

Sebbene sia stato accertato che non esiste alcun problema di cessione tra contenitore e contenuto,  il rifiuto di imballaggio in vetro, affinché possa trasformarsi in una “materia prima seconda” idonea alla rifusione in vetreria, deve evitare ogni commistione con il cristallo ed altri flussi di rifiuti  non idonei. 

Anche le lampade, lampadine, tubi al neon, specchi, monitor di TV e PC, lastre retinate e inerti vari, sono materiali contaminanti molto dannosi e vanno conferiti separatamente.

Il PYREX ha una più alta temperatura di fusione rispetto al vetro da imballaggio; ed un eventuale frammento di questo materiale nella massa fusa compromette la resistenza meccanica del futuro imballaggio; inoltre, essendo trasparente, è più difficile distinguerlo e separarlo.

La ceramica ha una temperatura di fusione più elevata rispetto a quella del vetro da imballaggio. Pertanto, quando il vetro è liquido nel forno, la ceramica rimane nella massa di vetro in forma solida creando così un difetto al contenitore che ha quindi un’alta probabilità di rompersi.

Come fatto per la carta e la plastica, ti riporto di seguito i codici del riciclo del vetro:

GL 70: usato per il vetro trasparente

GL71: usato per  il vetro verde (tipo bottiglie vino)

GL72: usato per le bottiglie marroni ( tipo bottiglie di birra).

Dal 73 al 79: tutti gli altri tipi di vetro.

codici riciclo vetro

Nella fase di trasporto agli impianti, è importante che il materiale non sia frantumato eccessivamente, in quanto pezzetti molto piccoli di ceramica, cristallo o pyrex, possono sfuggire alla selezione degli inquinanti operata nell’impianto di trattamento.

Arrivati negli impianti, i corpi estranei, come i pezzi di plastica o ceramica, vengono separati sia meccanicamente che manualmente. 

Tutte le volte che le macchine di selezione ottica espellono (con un soffio d’aria compressa) un frammento inquinante, possono eliminare contemporaneamente anche tutti i frammenti “buoni” di vetro, riducendo il risultato della raccolta differenziata.

La separazione per colore dipende da particolari elementi chimici presenti nel vetro stesso come per esempio ossidi di ferro, magnesio o di cromo e il riciclo seguirà processi separati in funzione della presenza di questi elementi. In pratica, un vetro verde diventerà vetro verde e uno marrone diventerà altro vetro marrone.

bottiglia vetro

Una volta separato per colore, Il rifiuto viene mandato in vetreria dove viene macinato fino ad ottenere minuscoli pezzetti di vetro simili alla sabbia. 

Il materiale viene poi fuso in piccoli cilindri inseriti all’interno di stampi che poi vengono pressati per dare al vetro la forma della bottiglia o del barattolo.

A questo punto lo stampo subisce un raffreddamento controllato (che lo rende più resistente) e l’imballaggio viene poi ceduto alle imprese di confezionamento di bevande e alimenti ed immesso al consumo.

 

Dopo il consumo, se correttamente differenziato, l’imballaggio potrà ritornare ad essere riciclato in vetreria all’infinito, senza alcuna perdita di materia o decadimento.

Oltre il 75% delle bottiglie di vetro sono fatte di vetro riciclato!

Con il vetro riciclato si possa creare nuove bottiglie, barattoli o
prodotti isolanti come la lana di vetro usata in edilizia. 

Una buona pratica, che a mio parere sarebbe utile reintrodurre, è il vuoto a rendere che prevede il riutilizzo delle bottiglie di vetro usate.  Di fatto, se acquisti una bottiglia di vetro di vino/acqua, quando la finisci invece di buttarla la puoi riportare al negoziate così da ricevere una piccola somma di denaro; il negoziante provvederà al lavaggio della bottiglia, al suo trattamento e riempimento.

In Italia meno del 10% delle bottiglie di vetro sono vuoto a rendere perché non ci sono le strutture necessarie sia per la raccolta che per il trattamento.

L’azione che puoi fare nel tuo piccolo è sicuramente quella di riutilizzare bottiglie e contenitori in vetro.

Solo quando deciderai di disfartene, preoccupati di non conferirli mischiati con altro materiale non riciclabile!

In fondo se ci pensi è un piccolo  e semplice gesto; un utile attenzione che permetterà di risparmiare 

in termini energetici e in termini di qualità di prodotto finito.

Avere uno spirito ecologico è anche questo!

Lascia un commento e condividi l’articolo sui tuoi social o con i tuoi contatti

Lascia qui un tuo commento o le tue domande

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: